Comunicato stampa: pronta azione del governo in soccorso agli agricoltori di Licata

  Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che il Sottosegretario alle politiche agricole On. Giuseppe Castiglione ha risposto ad una interrogazione in commissione agricoltura della Camera in merito alle richieste di aiuto da parte degli agricoltori della provincia di Agrigento duramente danneggiati da una tromba d’aria del 10 ottobre scorso. Il Sottosegretario ha specificato che il Ministero con decreto del 24 dicembre 2015 ha accolto la proposta di declaratoria di eccezionali avversità atmosferiche avanzata solo pochi giorni prima dalla Regione Sicilia, provvedimento necessario per attivare le risorse del Fondo di Solidarietà Nazionale del 2016.
“I tempi così rapidi per emanare il decreto di declaratoria di eccezionalità della tromba d’aria sono indice di quanto il Governo stia seguendo con particolare attenzione questo fenomeno – ha evidenziato il Sottosegretario – in considerazione del fatto che le aree agricole, e soprattutto le produzioni, sono state gravemente danneggiate. Un evento atmosferico tra i peggiori registrati nella storia della Regione Sicilia”.

Il provvedimento del Mipaaf di dicembre ricomprende i territori agricoli dei comuni di Licata e di Palma di Montechiaro e consente di ottenere interventi del FSN per i danni alle strutture aziendali non assicurabili con polizze agevolate.

“Ora gli agricoltori – ha proseguito Castiglione – hanno 45 giorni di tempo dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale, quindi entro il 3 marzo 2016, per presentare la domanda di aiuto alla Regione. All’intervento del fondo potrà essere aggiunto anche il contributo della Regione, per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiato. Continueremo ora a seguire l’iter di erogazione degli aiuti – ha concluso il Sottosegretario – e a stare al fianco degli agricoltori e delle loro aziende, affinché possano a breve riprendere appieno la loro attività, che dà lavoro a migliaia di persone”.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *